Novità in Parlamento


IL TURISMO IN PARLAMENTO

(Settimana dal 17 al 21 maggio 2010)

 

Camera dei Deputati

Il disegno di legge Semplificazione (A.C. 3209bis) è stato rinviato dall'Aula alla Commissione Affari Costituzionali. Sono stati esaminati altri emendamenti.

Il testo dovrebbe tornare in Aula martedì prossimo.

Si ricorda che l'art. 3 prevede che la procedura obbligatoria per l'identificazione dei clienti della struttura ricettiva - fino ad oggi legata alla predispozione di elenchi, all'invio di copie cartacee agli uffici di pubblica sicurezza e quant'altro - d'ora in poi avvenga direttamente attraverso una semplice comunicazione per via informatica.

Inoltre non saranno più necessari gli adempimenti (la registrazione presso la Questura e l'obbligo di identificare e registrare gli utenti con la carta d'identità) di cui si devono far carico i gestori delle strutture ricettive per mettere a disposizione i terminali per la navigazione in rete ai turisti.

Gli emendamenti presentati all'art. 3 sono stati tutti respinti
 
Consiglio dei Ministri 
 
Il Consiglio dei Ministri del 20 maggio scorso  ha approvato in via definitiva il decreto legislativo, allegato, concernente l'attribuzione a Regioni ed Enti locali di un loro patrimonio, in attuazione dell'articolo 19 della legge n. 42 del 2009.

Il testo sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni ed entrerà subito in vigore. 
 
I principali contenuti del provvedimento sono i seguenti:

  • oggetto dell'attribuzione a Regioni ed Enti locali sono i beni del demanio marittimo, idrico, gli aeroporti di interesse regionale o locale, le miniere e gli altri beni immobili dello Stato e i beni mobili ad essi collegati;
  • sono comunque esclusi dall'attribuzione: i fiumi e i laghi di ambito sovraregionale, salvo per questi ultimi che vi sia intesa tra le Regioni interessate; i beni della Difesa e i beni culturali, nei termini già previsti dalla normativa vigente; la dotazione della Presidenza della Repubblica e i beni degli organi costituzionali e di rilevanza costituzionale; gli immobili per uso istituzionale dello Stato, i porti e gli aeroporti di rilevanza economica nazionale ed internazionale, le reti di interesse statale, le strade ferrate dello Stato, i parchi nazionali e le riserve naturali statali;
  • sono attribuiti alle Regioni i beni del demanio marittimo e del demanio idrico, con la sola eccezione dei laghi chiusi che sono attribuiti alle Province, così come le miniere. Alle Province sarà inoltre garantita una quota dei canoni del demanio idrico trasferito alle Regioni. Ai Comuni sono attribuiti in particolare beni immobili non demaniali;
  • l'attribuzione dei beni non demaniali ha luogo sulla base delle richieste degli enti territoriali, che debbono indicare le modalità e i tempi di utilizzo; i beni non richiesti confluiscono in un patrimonio vincolato e sono valorizzati e alienati, sulla base di accordi tra Stato e Regioni o Enti locali, entro trentasei mesi;
  • mantengono comunque il carattere demaniale, a maggior garanzia dell'interesse pubblico, i beni trasferiti del demanio marittimo, idrico e aeroportuale. Per gli altri beni trasferiti può essere disposto dallo Stato il mantenimento nel demanio o nel patrimonio indisponibile; in ogni caso, l'eventuale sdemanializzazione continua ad essere dichiarata dallo Stato;
  • i beni attribuiti al patrimonio disponibile degli Enti territoriali possono essere alienati solo dopo la loro valorizzazione attraverso le varianti allo strumento urbanistico;
  • i beni trasferiti agli enti territoriali possono, dopo l'approvazione delle varianti urbanistiche, essere conferiti ad uno o più fondi comuni di investimento immobiliare;
  • con cadenza biennale possono essere attribuiti ulteriori beni;
  • attraverso consultazioni tra Regioni, Enti locali e Amministrazioni periferiche statali sarà garantito l'utilizzo ottimale dei beni pubblici;
  • le maggiori risorse derivanti a Regioni ed Enti locali dall'alienazione o dalle quote dei fondi immobiliari saranno destinate, per il 75%, alla riduzione del debito dell'ente, e per la parte residua alla riduzione del debito statale;
  • ogni alienazione di immobili da parte delle Regioni o degli Enti locali sarà preceduta dall'attestazione della congruità del prezzo da parte dell'Agenzia del demanio o dell'Agenzia del territorio.

Le richieste di Federturismo Confindustria relative all'art. 4, avanzate su indicazioni di Assomarinas e Assobalneari, sono state in parte accolte: il testo approvato specifica in maniera chiara la destinazione dei beni demaniali marittimi, ma non riconosce le migliorie apportate dal concessionario. 

 

 


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale