Novità in Parlamento


IL TURISMO IN PARLAMENTO

(Settimana dal 1° al 5 Marzo 2010)

 

Il Decreto mille proroghe "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative" è stato pubblicato sulla G.U. n. 48 del 27 febbraio 2010 Supplemento ordinario n. 39 ed è diventato Legge n. 25 del 26 febbraio 2010.

Si ricorda che nel provvedimento è contenuto l'art. 1 comma 18)  che  proroga al 31 dicembre 2015 le concessioni demaniali con finalità turistico-ricreative e rimane inoltre confermato il disposto dell'art. 3 comma 4 bis della legge 494/93 riguardante la possibilità per gli imprenditori di correlare l'ammontare degli investimenti con la durata della concessione.

(Si ricorda che il sito della Gazzetta Ufficiale riporta la documentazione segnalata per 60 giorni dalla pubblicazione)

Senato della Repubblica

Il Senato ha approvato, il 3 marzo, in via definitiva in quarta lettura, il ddl n. 1167-B (collegato alla manovra finanziaria) recante deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l'impiego, di incentivi all'occupazione, di apprendistato, di occupazione femminile, nonché misure contro il lavoro sommerso e disposizioni in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro.

Maggiori dettagli saranno forniti nel prossimo numero degli "Aggiornamenti normativi sul lavoro e turismo".

Consiglio dei Ministri

Il Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2010 ha approvato lo  schema di disegno di legge recante disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'italia alla Comunità Europee.

Lo schema di disegno di legge comunitaria per il 2010,  è il principale strumento di adeguamento dell'ordinamento interno agli indirizzi comunitari, che come ogni anno conferisce al Governo le deleghe necessarie a recepire nell'ordinamento nazionale le direttive emanate dall'Unione europea con criteri sia generali che specifici per determinate materie.

La previsione che il recepimento avvenga, per tutte le direttive elencate negli allegati, entro i due mesi che precedono il termine di scadenza della direttiva stessa (una novità introdotta quest'anno) consentirà una regolarizzazione delle prassi ed una minore insorgenza di procedure di infrazione, in linea con il maggior rigore introdotto dal Trattato di Lisbona, recentemente entrato in vigore.

Lo schema contiene, come di consueto negli ultimi anni, la cosiddetta clausola di cedevolezza: in considerazione del primario obbligo di adempiere all'impegno con l'Unione, lo Stato regolerà infatti le materie oggetto di delega, anche se di competenza regionale, con disciplina che perderà efficacia davanti a norme regionali emanate successivamente.

Si ricorda che l'articolo 9 delega il Governo ad adottare un decreto legislativo per il riordino della guida turistica disciplinandone titoli e requisiti.

Lo schema verrà trasmesso alla Conferenza Stato-Regioni per il parere.


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale