Novità in Parlamento


IL TURISMO IN PARLAMENTO

(Settimana dall'11 al 15 Gennaio 2010)

 

Senato della Repubblica

Il 12 gennaio è iniziata la discussione presso la commissione Affari Costituzionali della legge di conversione del decreto legge n. 194 del 30 dicembre 2009, G.U. n. 302 del 30 dicembre 2009 con  scadenza del 28 febbraio 2010, in breve  il decreto mille proroghe  (A.S.1955).

Si ricorda che l'art.1 comma 18 proroga al 31 dicembre 2012 il termine delle concessioni demaniali a fini turistico ricettive.

Camera dei Deputati

Di interesse non prettamente del settore ma sulle imprese in generale si segnala che presso la Commissione Attività Produttive  è iniziata la discussione della proposta di legge Norme per la tutela della libertà d'impresa. Statuto delle imprese (A.C. 2754)

La proposta di legge  prevede misure in materia di: semplificazione a salvaguardia dell'attività d'impresa (es. trasparenza dell'informazione relativa agli appalti pubblici); azioni di incentivazione (es. riserva minima del 50% degli incentivi per l'internazionalizzazione e l'innovazione); regimi di tassazione (es. limiti all'imposizione fiscale diretta e indiretta).

Inoltre prevede l'istituzione di un'Agenzia nazionale per le micro, piccole e medie imprese con il compito di elaborare proposte per lo sviluppo delle imprese ed analizzare l'impatto dei disegni di legge governativi e degli schemi di decreti legislativi sulle stesse.

Le altre proposte di iniziativa parlamentare prevedono ulteriori misure quali: disposizioni di favore verso l'occupazione e l'imprenditoria femminile; disposizioni per favorire la ricerca e la cooperazione fra università e piccole e medie imprese; disposizioni per favorire l'avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei giovani.


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale