Novità in Parlamento


IL TURISMO IN PARLAMENTO

(Settimana dal 16 al 20 dicembre 2013)

 

 

IN SINTESI

  • Il Senato ha approvato il provvedimento sulla riforma degli enti locali che contiene la proroga della prevenzione antincendi nelle strutture ricettive al 31 dicembre 2014 e la possibilità, per i Comuni in zone vulcaniche, di incrementare la tassa di soggiorno
  • La Commissione Finanze ha approvato un emendamento, al decreto IMU, sulla tassa di soggiorno, che propone siano i gestori degli alberghi in persona ad avere diritto di rivalsa sui soggetti passivi.
  • Il ddl Stabilità ha ottenuto la fiducia della Camera

RESOCONTO COMPLETO

Senato della
Repubblica

Aula
L'Aula ha approvato il 19 dicembre il provvedimento relativo alla "Conversione in legge del decreto-legge 31 ottobre 2013, n. 126, recante misure finanziarie urgenti in favore di regioni ed enti locali ed interventi localizzati nel territorio" (A.S. 1149). Il testo approvato contiene modifiche previste dall'emendamento 1.0.3 approvato, in Commissione Bilancio già il 17 dicembre, che prevede il completamento dell'adeguamento delle strutture con più di 25 posti letti alla normativa antincendio slitta infatti al 31 dicembre 2014. La scadenza prevista, 31 dicembre di quest'anno. Contiene anche modifiche previste dall'emendamento 2.64, approvato nella seduta del 18 dicembre, che propone per zone vicino ad un vulcano la possibilità dei Comuni di incrementare la tassa di soggiorno fino a 5 euro in più.  Il testo passa all'altro ramo del parlamento. 
Link: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=733537
Link:  http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=17&id=733402 Link: http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00733455.pdf
Commissione Finanze  La Commissione Finanze  ha approvato al disegno di legge di conversione del decreto-legge 30 novembre 2013, n. 133, recante "disposizioni urgenti concernenti l'IMU, l'alienazione di immobili pubblici e la Banca d'Italia" (A.S. 1188) l'emendamento 1.0.11 che va a modificare la normativa vigente dell'imposta di soggiorno. Stabilisce che la tassa può essere messa in tutti i comuni e che debba essere proporzionale non solo al prezzo dell'albergo o del B&B ma anche alla "classificazione delle strutture ricettive". Inoltre stabilisce che a riscuotere siano i gestori degli alberghi in persona che avranno "diritto di rivalsa sui soggetti passivi" e dovranno dichiarare ogni tassa riscossa. Gli albergatori che non trasmetteranno la documentazione esaustiva delle tasse di soggiorno riscosse o la presenteranno in ritardo saranno puniti con una multa dal 2 al 200% dell'importo dovuto.  Il provvedimento è all'o.d.g. dell'Aula il prossimo 7 gennaio 2014. Link: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=17&id=733437


Camera dei Deputati

Aula 

La Camera, il 20 dicembre, con 350 voti favorevoli e 196 contrari ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sull'approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, dell'articolo unico del disegno di legge, già approvato dal Senato, nel testo della Commissione come risultante dalle correzioni comunicate all'Assemblea, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2014) (C.1865-A).
Si ricordano di interesse del settore: 
- il comma 11 dell'art. 1 che prevede la destinazione del 50% (pari a 100 milioni per i tre anni 2014/2015/2016) del fondo, istituito dall'art. 43 del d.l 25/8/2008 presso il Ministero dello sviluppo economico, a Contratti di Sviluppo in ambito turistico nelle aree dell'Obiettivo Convergenza. - i commi 509-510 dell'art. 1 che prevedono la deducibilità dell'imposta municipale propria (IMU) relativa agli immobili strumentali tra cui gli alberghi, stabilimenti balneari e agenzie di viaggio sarà del 30% nel 2013 e scenderà al 20% nei prossimi due anni. - commi 522 bis e ter  che anticipano al 31 maggio la revisione dei canoni demaniali. Si tratta di una sanatoria dei contenziosi pendenti sui canoni e gli indennizzi per l'utilizzo dei beni demaniali marittimi riordino della normativa sulle concessioni demaniali da effettuare entro maggio. La proposta di modifica prevede che il soggetto interessato possa pagare in un'unica soluzione il 30% delle somme dovute all'erario o rateizzare fino a un massimo di 6 tranche annuali un importo pari al 60% del dovuto oltre gli interessi legali. La domanda per aderire alla sanatoria dovrà essere presentata entro il 28 febbraio. Il testo deve essere riapprovato dal Senato. Link:  http://www.camera.it/leg17/465?tema=957&Stabilit%C3%A0+2014


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale