Novità in Parlamento


IL TURISMO IN PARLAMENTO

(settimana dal 21 al 28 ottobre 2013)

 

 

IN SINTESI

  • Il ddl Stabilità inizia il suo iter parlamentare al Senato 
  • In Aula alla Camera discusse le interpellanze sui canoni demaniali e nautica da diporto


RESOCONTO COMPLETO

Senato della Repubblica
Commissione Bilancio
 

I provvedimenti di Stabilità (A.S.1120) e di Bilancio (A.S. 1121), hanno iniziato il loro iter.  In questa settimana le Commissioni Bilancio di Senato e Camera, in seduta congiunta, hanno in programma una serie di audizioni.

Si ricordano:
- il comma 25 art. 10  che propone il trasferimento del capitale sociale di Promuovitalia al Ministero dell'Economia e delle Finanze ed il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ne diventa azionista.     

- il comma 6 dell'art. 3 prevede la destinazione del 50% (pari a 100 milioni per i tre anni 2014/2015/2016)  del fondo, istituito dall'art. 43 del d.l 25/8/2008 presso il Ministero dello sviluppo economico, a Contratti di Sviluppo in ambito turistico nelle aree dell'Obiettivo Convergenza. - il comma 5 dell'art. 23 la deducibilità del 20% dell'imposta municipale propria (IMU) relativa agli immobili strumentali tra cui gli alberghi, stabilimenti balneari e agenzie di viaggio.

Linkhttp://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede_v3/Ddliter/42364.htm


Camera dei Deputati 

Aula


Il 25 ottobre scorso in Aula alla Camera, si sono svolte le discussioni in merito a due interpellanze urgenti: - la prima (2-00262) relativa alla disciplina dell'assegnazione delle concessioni balneari. Si sono richiesti chiarimenti riguardo notizie stampa sull'idea di trasformare in patrimonio dello Stato il tratto di arenile che comprende stabilimenti balneari, bar, cabine, ristoranti, per poi cederlo a prezzo calmierato agli operatori già concessionari.  Il Viceministro Fassina ha dichiarato che ciò non accadrà. - la seconda (2-00264) sulle iniziative, anche normative, a favore dei concessionari delle strutture portuali della nautica da diporto, con particolare riferimento ai canoni demaniali marittimi. 
Si chiede che una variante di concessione, non possa essere applicata in modo retroattivo, nell'ambito di un contratto pluriennale che prevede un piano industriale. Il Viceministro Fassina ha dichiarato che con tale proposta si cerca di ovviare a delle situazioni che dovevano essere già risolte anni addietro e che comunque il dibattito è ancora in corso.

Link: http://www.camera.it/leg17/410?idSeduta=0105&tipo=alfabetico_stenografico#


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale