Novità in Parlamento


Il Turismo in Parlamento

(Periodo dal 5 agosto al 6 settembre 2013)

 

 

IN SINTESI

  • Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto che istituisce la service tax
  • E' iniziata in Commissione Cultura del Senato la discussione sul decreto valore cultura; stabilita la data di presentazione degli emendamenti 
  • La Conferenza delle Regioni ha richiesto il ripristino del  Comitato permanente di coordinamento in materia di turismo
  • Il Ministro Bray ha istituito la Commissione per il rilancio dei beni culturali e del turismo
  • Pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale  dei provvedimenti relativi alle deleghe europee, al decreto fare e lavoro


RESOCONTO COMPLETO

Consiglio dei Ministri

Il Consiglio dei Ministri  ha approvato, lo scorso 28 agosto, un decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di IMU, abitazioni e cassa integrazione guadagni. 
Il decreto interviene su quattro capitoli: 1.      Cassa integrazione guadagni.  2.      Esodati.  3.      Piano casa a favore delle categorie disagiate.  4.      IMU. Il decreto stabilisce che la tassa municipale sugli immobili -  relativamente alla prima casa, ai terreni agricoli e ai fabbricati rurali - non verrà pagata nel 2013. A partire dal  2014, in luogo dell'IMU, entrerà in vigore la cosiddetta "Service Tax".

Linee guida per la "Service Tax"

Il modello di tassazione comunale "federale", che entrerà in vigore dal 2014, sarà ispirato ai principi del federalismo fiscale, come approvati dalla Commissione Bicamerale appositamente costituita nella scorsa legislatura. Viene dunque istituita un'imposta sui servizi comunali - la "Service Tax" - che sostituisce la Tares. Essa sarà riscossa dai Comuni e costituita da due componenti: •         gestione dei rifiuti urbani; •         copertura dei servizi indivisibili. La prima componente (Tari) sarà dovuta da chi occupa, a qualunque titolo, locali o aree suscettibili di produrre rifiuti urbani. Le aliquote, commisurate alla superficie, saranno parametrate dal Comune con ampia flessibilità ma comunque nel rispetto del principio comunitario "chi inquina paga" e in misura tale da garantire la copertura integrale del servizio. La seconda componente (Tasi) sarà a carico di chi occupa fabbricati. Il Comune potrà scegliere come base imponibile o la superficie o la rendita catastale. Sarà a carico sia del proprietario (in quanto i beni e servizi pubblici locali concorrono a determinare il valore commerciale dell'immobile) che dell'occupante (in quanto fruisce dei beni e servizi locali). Il Comune avrà adeguati margini di manovra, nell'ambito dei limiti fissati dalla legge statale. La capacità fiscale (cioè il gettito potenziale che i Comuni potrebbero ottenere dal pieno utilizzo delle facoltà di manovra fiscale sui loro tributi) sarà preservata, nel pieno rispetto del principio federalista dell'autonomia finanziaria di tutti i livelli di governo. L'autonomia nella fissazione delle aliquote sarà limitata verso l'alto per evitare di accrescere la capacità fiscale e quindi il carico sui contribuenti, applicando aliquote massime complessive.
Si ricorda che il testo deve iniziare il suo iter parlamentare presumibilmente dalla Camera dei deputati (A.C. 1544)
LINK: http://www.governo.it/Notizie/Palazzo%20Chigi/dettaglio.asp?d=72676

Senato della Repubblica

Commissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali

La Commissione ha proseguito l'esame in sede referente dell'esame del disegno di legge (A.S. 1014) concernente la conversione in legge del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91, recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo.   Il termine per la presentazione degli emendamenti è fissato a martedì 10 settembre, per chi fosse interessato si prega di inviarli all'indirizzo email v.fantozzi@federturismo.it entro il 9 settembre.

LINK: http://www.senato.it/3536?shadow_organo=1170007

Commissione per il rilancio dei beni culturali e del turismo e per la riforma del Ministero in base alla disciplina della revisione della spesa

Il Ministro delle attività dei beni culturali e del turismo, Massimo Bray, ha istituito lo scorso 9 agosto la Commissione per il rilancio dei beni culturali e del turismo e per la riforma del Ministero in base alla disciplina della revisione della spesa. Tra i suoi compiti la definizione dei metodi per armonizzare la tutela, la promozione della cultura e lo sviluppo del turismo identificando le linee di modernizzazione del ministero e di tutti gli enti vigilati, con riguardo alle competenze, all'articolazione delle strutture centrali e periferiche e alla innovazione delle procedure. La Commissione sarà presieduta da Marco D'Alberti, ordinario di diritto amministrativo all'Università di Roma Sapienza, e sarà composta da 18 membri tra i quali il presidente di Federturismo Confindustria, Renzo Iorio. Nella giornata di oggi, venerdì 6 settembre, si è svolta la riunione di insediamento della Commissione.

LINK: http://www.governo.it/Governo/Biografie/ministri/bray.html

Conferenza delle Regioni

La Conferenza delle Regioni ha approvato il 1°agosto un  documento intitolato "il turismo come risorsa per governo, regioni e province autonome ed enti locali: programmazione nel settore e definizione delle priorità". Nel documento  si legge che "le Regioni e le Province autonome ritengono fondamentale il ripristino dei lavori del Comitato permanente di coordinamento in materia di turismo (delibera n. 145/CSR del 23 luglio 2010) costituito in seno alla Conferenza Stato-Regioni e la calendarizzazione delle relative riunioni, per facilitare il confronto preventivo tra Amministrazioni di diverso livello e la definizione condivisa delle politiche di settore all'insegna della leale collaborazione tra Istituzioni, al fine di assicurare un unitario e concertato orientamento delle politiche di indirizzo del turismo".

LINK: http://www.regioni.it/home_art.php?id=724
Gazzetta Ufficiale

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale i seguenti provvedimenti:
- G.U. n.196 del 22 agosto 2013 la legge 9 agosto n.76 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 giugno 2013, n. 76, recante primi interventi urgenti per la promozione dell'occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, nonche' in materia di Imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie urgenti".

LINK:http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-08-22&atto.codiceRedazionale=13G00142&elenco30giorni=true
- GU  n.194 del 20-8-2013 - Suppl. Ordinario n. 63 la legge 9 agosto 2013, n. 98 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia".

LINK:http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-08-20&atto.codiceRedazionale=13G00140&elenco30giorni=true
 
- G.U. n. 194 del 20 agosto 2013 la legge 6 agosto 2013, n. 96   "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2013".

LINK: http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2013-08-20&atto.codiceRedazionale=13G00137&elenco30giorni=true

- G.U. n. 194 del 20 agosto 2013 la legge 6 agosto 2013, n. 97   "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2013".

LINK:http://www.gazzettaufficiale.it/gazzetta/serie_generale/caricaDettaglio?dataPubblicazioneGazzetta=2013-08-20&numeroGazzetta=194&elenco30giorni=true


Si ricorda che il sito della Gazzetta Ufficiale permette di scaricare la documentazione solo per 60 giorni dalla pubblicazione degli stessi .


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale