Novità in Parlamento


 

IL TURISMO IN PARLAMENTO

(Periodo dal 30 maggio al 10 giugno 2011)

 

 

IN SINTESI

  • Decreto Sviluppo: presentati 1.500 emendamenti;
  • Approvato in via definitiva il decreto sulle proroghe del Federalismo Fiscale;
  • Pubblicato in G.U. il Codice del turismo.

RESOCONTO COMPLETO


Camera dei deputati

Commissioni Bilancio e Finanze

Sono stati presentati 1500 emendamenti al Decreto Sviluppo A.C. 4357 (conversione decreto-legge 70/2011 Semestre Europeo - Interventi urgenti economia).


All'art. 3,  relativo ai distretti turistico alberghieri, zone a burocrazia zero etc., sono stati presentati 103 emendamenti la cui votazione comincerà lunedì prossimo.


Il direttore generale di Confindustria, Galli, è stata audito il 31 maggio. In allegato il testo.


In relazione all'art. 3 Galli ha dichiarato condivisibile la proposta che punta a snellire e semplificare gli adempimenti burocratici, anche se ad un anno dalla loro introduzione nell'ordinamento, le Zone a Burocrazia Zero restano inattive.


In tema di diritti di superficie sulle aree costiere, pur condividendo l'obiettivo di fondo di dare maggiore certezze agli operatori e salvaguardare gli investimenti da questi operati, la soluzione proposta di istituire un diritto di superficie sulle aree del demanio marittimo non sembra risolvere le questioni sollevate dalla procedura di infrazione comunitaria sul rinnovo automatico delle concessioni in essere e risponde solo in parte alle esigenze di pubblicità e di confronto concorrenziale che essa pone.


Inoltre sono positive le misure relative alla nautica da diporto, che consentono di risolvere alcune delle problematiche del settore. In particolare, si segnala la rimozione della doppia autorizzazione (concessione demaniale e permesso a costruire) e l'inclusione della nautica da diporto a fini commerciali nell'ambito di applicazione del Codice della nautica da diporto, l'introduzione di modifiche alla legge quadro n. 84/94 sulla portualità, che prevedono il possibile utilizzo delle aree portuali di interesse pubblico sottoutilizzate o non diversamente utilizzabili per la realizzazione di approdi turistici.

LINK: http://documenti.camera.it/apps/emendamenti/getProposteEmendative.aspx?sito=Nuovo&contenitorePortante=leg.16.eme.ac.4357&tipoSeduta=1&sedeEsame=referente&urnTestoRiferimento=urn:leg:16:4357:null:null:com:0506:referente&tipoListaEmendamenti=1

 

Senato della Repubblica


L'Aula, il 1° giugno scorso, ha approvato definitivamente il disegno di legge (A.S.2729) che proroga i termini per la riforma del federalismo fiscale.


Si ricorda che il testo prevede, tra l'altro:

  • la proroga del termine finale per l'esercizio della delega da ventiquattro a trenta mesi;
  • l'ampliamento, da sessanta a novanta giorni, del tempo a disposizione delle Commissioni parlamentari per l'espressione del parere sugli schemi di decreto legislativo;
  • la proroga del termine a disposizione per l'adozione di eventuali decreti legislativi integrativi e correttivi, da due a tre anni, decorrenti dall'entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi da integrare e correggere;
  • l'introduzione di un meccanismo di scorrimento automatico del termine finale di centocinquanta giorni, qualora il termine per il parere parlamentare cada negli ultimi trenta giorni prima del termine finale della delega;
  • la proroga del termine per l'adozione dei decreti legislativi istitutivi delle città metropolitane, da trentasei a quarantotto mesi;
  • l'esclusione dell'applicazione del nuovo termine per l'espressione del parere parlamentare (novanta giorni anziché sessanta, ferme restando le eventuali proroghe), nonché della conseguente nuova c.d. «proroga tecnica» (che importa l'applicazione del meccanismo di scorrimento automatico del termine finale) per gli schemi di decreto legislativo già trasmessi alla Conferenza unificata ai fini dell'intesa.

Il testo deve essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

LINK: http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/36888.htm

 

Gazzetta ufficiale

Il Codice del Turismo è stato pubblicato sulla G.U. 129 del 6/6/2011 suppl. ord. 139 ed entrerà in vigore dal 21 giugno 2011.

La parte relativa alle multiproprietà è ora prevista dall'art. 2 del decreto legislativo.

La parte relativa al Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo è prevista dall'allegato n. 1.

Il testo pubblicato differisce leggermente dal testo entrato al Consiglio dei Ministri del 5 maggio scorso, tra le modifiche si segnalano:

  • all'art.4 (imprese turistiche) è stato eliminato al comma 1 l'inciso "volti alla realizzazione dell'offerta di beni e servizi volti a soddisfare le esigenze del turista";
  • l'art. 7 (maestri di sci e guide alpine) è stato eliminato;
  • al comma 4 dell'art. 51 (fondo di garanzia) (art. 52 nella versione precedente) è stata eliminata la frase "fatta salva comunque la prescrizione al diritto al rimborso".

LINK: http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatchertask=attoCompleto&service=1&datagu=2011-06-06&redaz=011G0123&connote=true

LINK:
http://www.camera.it/465?area=11&tema=430&Codice+del+turismo

 


 

 


SEDE LEGALE - Via Tosarelli, 360 - 40050 Villanova di Castenaso (BO) - Tel. 051 781607 - Fax 051 780455
SEDE OPERATIVA - Via Massarotti, 21/B - 26100 Cremona (CR) - Tel. 0372 800247 - Fax 0372 800248
© Asso Intrattenimento - C.F.: 02402271205 - Tutti diritti riservati e vietata la riproduzione anche parziale